L’hotel The Alpina Gstaad ospita tra le più belle camere al mondo

,

Per stilare la sua classifica annuale, il team della Forbes Travel Guide, celebre pubblicazione in materia di viaggi e suggerimenti di indirizzi speciali, ha percorso il mondo intero alla ricerca delle migliori strutture ricettive. Risultato: si sono distinte per la loro qualità 41 camere distribuite su 17 Paesi. Una lista di 900 criteri ha permesso ai valutatori della guida di analizzare con grande precisione le caratteristiche di camere e suite, tenendo conto dei più alti standard in termini di lusso, comfort e funzionalità. L’eleganza è d’obbligo, tanto per l’arredamento quanto per ogni dettaglio.  

Rifugio alpino di lusso, l’hotel The Alpina Gstaad si è dotato di materiali naturali come il marmo, l’arenaria e il legno antico. Le 56 camere dal design moderno non escludono riferimenti alla tradizione alpina con i tavoli in cuoio rosso, gli armadi rustici e gli oggetti a sospensione che richiamano le campane, uno dei simboli della montagna svizzera. Tutte le camere offrono una vista diretta sulle montagne circostanti che possono essere ammirate dai balconi.

Tim Weiland, direttore generale dell’hotel The Alpina Gstaad ha risposto alle domande di lifetimedesign.ch, commentando la menzione della Forbes Travel Guide e illustrando i fattori che hanno determinato il successo dell’hotel.

Lifetimedesign.ch: Signor Weiland, The Alpina Gstaad è stato di recente menzionato da una prestigiosa rivista per avere tra le più belle camere al mondo. Quale è stata la sua reazione?

Tim Weiland: Le camere fanno parte dell’offerta dell’hotel e costituiscono un rifugio per i nostri clienti, dove trovare riposo e sonno. Per il team dell’hotel The Alpina Gstaad, il comfort e il benessere dei nostri clienti sono fondamentali. Siamo felici e fieri di essere stati ricompensati per questo impegno con una menzione lusinghiera.

Lifetimedesign.ch: Questa menzione comprova l’attenzione al dettaglio che si ritrova all’hotel The Alpina Gstaad. Quali sono i dettagli che nello specifico distinguono questa struttura alberghiera?

Abbiamo messo l’accento sul design e sui materiali in ogni minimo dettaglio. Il legno di pino impreziosito da sculture ornamentali proviene da fattorie svizzere centenarie ed è stato approntato a mano nel laboratorio dell’hotel. Combinato con un rivestimento degli esterni antico, lo charme degli chalet del Saanenland si ritrova trasferito nei nuovi interni. The Alpina Gstaad vuole omaggiare la regione in modo fedele, attento e dettagliato.

Lifetimedesign.ch: Come potrebbe definire, in una sola frase, l’architettura e la decorazione dell’hotel?

L’architettura e la decorazione de The Alpina Gstaad incrociano le tradizioni regionali e l’autenticità con il lusso e la qualità esclusivi propri della Svizzera.

Lifetimedesign.ch: Cosa significa per lei «lusso autentico»?

La bellezza della regione e delle Alpi si riflette nell’arredo degli interni e può così essere vissuta dai nostri clienti. Gli chalet sono stati concepiti a partire dai materiali tradizionali e dall’artigianato antico associato ad elementi contemporanei.

Lifetimedesign.ch: La decorazione fa riferimento ai caratteri del Saanenland. Come avete importato questi caratteri negli arredi e attraverso i materiali?

Grazie ai nostri partner, le imprese Jaggi & Partner, Chaletbau Matti AG e Hirsch Bedner Associates, abbiamo posto l’accento sui dettagli regionali, ovviamente nel rispetto delle normative più recenti e insieme a una creatività di respiro internazionale.

Lifetimedesign.ch: Cosa apprezzano in particolare nel The Apina Gstaad i vostri clienti?

I nostri clienti apprezzano lo stile semplice e creativo. L’atmosfera calorosa invita a restare con piacere negli interni. Per descrivere questo stile potrei usare la parola oggi di moda “hygge”. Inoltre offriamo un servizio di altissimo livello, personalizzato, discreto, attento, sincero e cordiale.

Lifetimedesign.ch: Avete una clientela soprattutto di habitué o piuttosto di visitatori occasionali di passaggio nella regione o in Svizzera?

I nostri clienti tornano volentieri, ma alcuni visitano la Svizzera e Gstaad per la prima volta.

Lifetimedesign.ch: Il design del ristorante MEGU è stato realizzato dal decoratore pluripremiato Noé Duchaufour-Lawrance. Perché la scelta è caduta su di lui?

Da quando aveva vent’anni, Noé Duchaufour-Lawrance esplora il Giappone, la cultura e l’architettura giapponesi. Nel suo lavoro, si ispira alla natura e ai paesaggi. E per entrambe le regioni, il Giappone e le Alpi svizzere, la natura influenza fortemente la vita. Il suo stile sottolinea le somiglianze tra Giappone e Svizzera, così permettendo al ristorante di integrarsi perfettamente all’architettura lussuosa dell’hotel come anche a tutto il Saanenland circostante.

Lifetimedesign.ch: Quali materiali predominano nell’edificio e quali riflessioni hanno motivato le vostre scelte durante la costruzione?

Per la costruzione de The Alpina Gstaad hanno dominato materiali come la pietra, il cuoio e i tessuti nobili. Gli interni sono stati trasformati in un’esperienza di vita unica in cui si fondono lo stile di vita e lo charme di Gstaad. Legno rustico, porte riccamente dipinte, stoffe e tessuti raffinati, lampadari al quarzo locale fabbricati a mano, balconi in ferro battuto con un profilo visivo di carta perforata e camini moderni conferiscono alle nostre 56 camere e suite, come anche alla hall e ai ristoranti, un’atmosfera discreta, priva dei triti cliché alpini. Il lusso resta discreto, i dettagli piacevoli ed è cosi lo stile della Svizzera ad emergere.

Lifetimedesign.ch: Per quanto riguarda il settore termale, c’è anche una sala con acqua salata in una grotta di sale con pietre mastodontiche. Quali sono state le sfide di questa costruzione?

Il Six Senses SPA è stato concepito da P49 Bangkok, con un’idea che combina perfettamente l’approccio olistico dei Six Senses con gli interni dell’hotel. I locali sono stati pensati in modo da evitare ogni problema di umidità e si trovano perciò negli spazi adiacenti la piscina, le saune, etc.

Lifetimedesign.ch: L’hotel è stato costruito nel 2012. Quanto tempo c’è voluto tra l’ideazione del progetto e la chiusura dei lavori di costruzione?

Il progetto è stato proposto nel 1997 quando i proprietari Marcel Bach e Jean-Claude Mimran hanno acquisito la proprietà. Nel 2009 si è avviato il cantiere, che poi è proceduto molto rapidamente.

Lifetimedesign.ch: In 7 anni sono stati già apportati molti adattamenti, in termini di arredo, per adattarsi alle nuove mode?

No, siamo sempre rimasti fedeli allo stile. Certo, alcuni rinnovamenti fanno parte del processo naturale di manutenzione, ma per noi è ed è stato sin dall’inizio importante la scelta di un design senza tempo.

Lifetimedesign.ch: Quanto alla tecnologia, all’interno dell’hotel, ha subito un’evoluzione in 7 anni?

Le attrezzature per la cura e la manutenzione ordinaria dell’hotel – dall’aspirapolvere ai detersivi – sono rinnovate costantemente. Ci assicuriamo sempre di utilizzare prodotti e tecnologie sostenibili.

Lifetimedesign.ch: Secondo lei qual è il segreto del successo de The Alpina Gstaad?

Abbiamo sempre celebrato le tradizioni pur permettendoci di dare dei nuovi stimoli attraverso innovazioni autentiche.

Per maggiori informazioni: www.thealpinagstaad.ch

Mélina Neuhaus
Mélina Neuhaus

Co-fondatrice et directrice de communication/relations publiques Elitia Communication