Quasi ogni pezzo è un esemplare unico

Intertime

Intertime riassume innovazione, know how, i più alti livelli di qualità e la centralità del cliente. Lifetimedesign.ch si è recata nella Surbtal in Argovia, dove da più di 50 anni vengono prodotti mobili imbottiti “swiss made”.

In ogni ufficio, ogni hotel o dimora c’è una poltrona, un divano o anche solo una sedia imbottita. E chi dà valore al “made in Switzerland”, per questi oggetti può fare riferimento a ben pochi produttori. Uno di questi è Intertime, dove troviamo Johannes Weibel, figlio del fondatore dell’azienda nonché suo creative director, che la dirige insieme a suo fratello. In un salone espositivo allestito in modo molto moderno presso il sito di fabbricazione troviamo diversi modelli tutti particolarmente invitanti. Si sente il piacevole profumo di cuoio e questo lunedì mattina un gruppo di rivenditori specializzati sta esaminando e apprezzando la varietà dei prodotti a disposizione.

Da Johannes Weibel voglio sapere quanto Intertime approfitti del boom dei prodotti svizzeri: «C’è un grosso interesse per una produzione locale realizzata qui a Endingen. Le persone sono entusiaste che ai nostri tempi si producano ancora mobili imbottiti in Svizzera e per questo si prendono il tempo di dare un’occhiata alla produzione», ci racconta soddisfatto Johannes Weibel.

Intertime produce solo su ordinazione attraverso i rivenditori. Quasi ogni pezzo è un esemplare unico. Per il materiale dei rivestimenti, le dimensioni e l’imbottitura, Johannes Weibel e il suo team si adattano ai desideri specifici degli acquirenti. La produzione è realizzata sulla base di semilavorati che sono stati messi a punto secondo le indicazioni di Intertime. Un importante tratto distintivo della qualità dei prodotti di Intertime è che l’imbottitura può essere appunto definita in maniera personalizzata. In questo modo è possibile, per esempio, ottenere a piacere una seduta più o meno morbida.

L’alto grado di personalizzazione si conferma anche per i materiali dei rivestimenti, che non vengono ordinati e stoccati in un paio di colori, ma vengono consegnati in tempo dai fabbricanti rispettando le scelte individuali dei clienti. Diversamente accade per il cuoio: nel magazzino del cuoio sono appese pregiate pelli bovine di diverse qualità e colori per un valore complessivo di circa mezzo milione di franchi svizzeri.

Quanto lavoro manuale si cela dietro un prodotto di Intertime nonostante le finiture hightech, lo si comprende visitando gli spazi della manifattura. Dei 60 impiegati ne lavorano 38 nella produzione, e con armature in legno, piedi in metallo, palline di materiale espanso più o meno duro, spessori di vario tipo, stoffe e cuoio, realizzano poltrone e divani fatti su misura. È una combinazione di macchine collaudate e cucitrici manuali tarate per tutta una serie di suture, bordi e pieghe, insieme all’uso delle più recenti e raffinate tecnologie. Per esempio su un ampio tavolo di lavoro è pronto dinanzi alla tranciatrice un enorme pezzo di stoffa che più tardi verrà tagliato in parti con precisione millimetrica con il getto d’acqua per ottenerestoffa da fodere e rivestimenti di diverso tipo. Le imperfezioni naturali delle pelli vengono segnalate a mano con un marcatore digitale. Il computer immagazzina i dati rilevati e calcola la valorizzazione ottimale di questo materiale pregiato.

Una catena di fornitori in cui ogni produttore è ben conosciuto e il controllo dei tempi di percorrenza contribuiscono a una qualità di gestione del più alto livello. In questo modo non è così sorprendente che solo molto raramente siano le spedizioni esterne a costituire la causa di una mancanza nella produzione. Ma anche sulle uscite si lavora alacremente, e quotidianamente 15-20 ordini lasciano la manifattura in ingegnosi imballaggi speciali. Chi ha visto una volta con quale precisione e passione si produce a Endingen, comprende che questo mobilio imbottito costituisce un investimento sostenibile per i prossimi 15-20 anni.

Un prototipo nel giro di 24 ore

Siccome la creazione di un prototipo rappresenta una tappa fondamentale nello sviluppo di un nuovo prodotto, Intertime, che annualmente presenta almeno una novità alla imm Cologne, è in grado di approntare prototipi per il settore immobiliare nel giro di 24 ore. «Le imbottiture personalizzate, per esempio per uffici e hotel, sono un settore che ci sembra avere un buon potenziale», dice Johannes Weibel durante l’intervista. L’imprenditore vede possibilità di crescita anche nei mercati esteri. «Con una quota del 85% la Svizzera resta il nostro mercato principale. Le esportazioni si orientano prevalentemente verso la Germania e l’Austria come anche nei paesi del Benelux. Soprattutto in questi ultimi vediamo un interessante potenziale di mercato».

Combinazione di estetica e funzionalità

Anche se nel passato recente Intertime si è fatta costantemente notare come vincitrice di premi di design, grazie alla collaborazione con design rinomati, per Johannes Weibel è importante che Intertime non sia percepita esclusivamente innanzitutto come una marca svizzera orientata al design. «Quel che caratterizza Intertime è sempre la combinazione di un linguaggio semplice e classico nelle forme esteriori e un oggetto che al suo interno rivela intelligenza e qualità», ci dice Johannes Weibel mentre esemplifica la sua affermazione mostrandoci i suoi modelli nel salone espositivo di Intertime. Per tantissimi modelli con pochi ritocchi un sofà elegante diventa pratico, e un sofà pratico diventa comodo. Si tratta di pezzi che soddisfano tanto il “couch potato” quanto l’esteta, e proprio per questo risultano simpatici.

Ricerca il rivenditore:
www.intertime.ch/fachhaendler

Per la progettazione e realizzazione di mobilio imbottito nel settore immobiliare, come uffici, hotel o ospedali, ed altri settori pubblici: Patrick Buser, consulente immobiliare

p.buser@intertime.ch

 

Stephanie Steinmann
Stephanie Steinmann

als freischaffende Bloggerin in Männedorf ZH tätig